L’anarchismo metodologico di Paul Feyerabend

  • LP111, §§ 5-8

Feyerabend denuncia come non risolutive le ipotesi epistemologiche di Schlick, Hempel, Popper, Kuhn, Lakatos che stabiliscono criteri di classificazione delle teorie, che, in un modo o nell’altro, consentono loro di poter definire criteri di progressività e preferibilità tra approcci.

Serendipity

Consideriamo questo caso, ricordato da Feyerabend: pur muovendo da un’ipotesi errata sulla forma della Terra Colombo scoprì l’America. Dunque, pur partendo da ipotesi errate si possono ottenere risultati validi.

Principio della serendipity:  spesso si trova quello che non si cerca, ma se non si cercasse quel qualcos’altro che non si trova, non si troverebbe neppure questo qualcosa che non si cercava….

Di qui il motto di Feyerabend: anything goes (“tutto va bene”) e il suo anarchismo metodologico.

La maggior parte delle scoperte scientifiche si è prodotta per caso, senza rispettare dettami metodologici precisi. Altrettanto poco scientifica è stata la preferenza accordata da un’epoca o una cultura a una teoria piuttosto che a un’altra. Ciò che ha favorito il progresso scientifico, dunque, sono stati non tanto metodi euristici precisi o criteri di valutazione dei risultati raggiunti, epistemologicamente convincenti, quanto la ricchezza e la pluralità degli approcci contemporaneamente e contraddittoriamente messi in atto. A volte programmi di ricerca che, nella prospettiva di Lakatos, sarebbero stati regressivi (come la credenza magica nell’azione a distanza tra corpi), si sono rivelati improvvisamente fecondi (Newton derivò da questa credenza l’intuizione della gravitazione universale) e viceversa.

Di qui il suggerimento di preservare il più possibile il pluralismo delle teorie, dei programmi e dei paradigmi, evitando di concentrare i finanziamenti pubblici e privati soltanto sulle linee di ricerca che appaiono, oggi, più promettenti (e, perciò stesso, più “scontati”, dunque meno capaci di generare, verosimilmente, scoperte sensazionali o davvero innovative)